VESTINI 2015

Il Rito del Sole10505629_10205737029239115_4144382002453251405_n

Nelle epoche antiche, prima della produzione agricola a scopi puramente economici, la riuscita di un buon raccolto era vitale per le popolazioni arcaiche, infatti un raccolto poco fruttuoso o rovinato avrebbe potuto significare difficoltà o carestie devastanti nei successivi periodi invernali.

Gli esseri umani di allora, avevano imparato le regole, erano attenti ai ritmi della natura, il meccanismo delle stagioni, quindi usavano il massimo rispetto verso i fenomeni naturali, allora inspiegabili.

Come il movimento dei pianeti che indicano le stagioni e fanno il primo calendario, e dal calendario nasce l’attesa, dall’attesa la speranza e dalla speranza la preghiera.

La natura umana, man mano ha poi portato a divinizzare, il fuoco, l’acqua, il vento i pianeti, cioè tutti i fattori da cui dipendeva la sua sopravvivenza.

Venendo ai Vestini, nessuno conosce al momento le loro preghiere o i loro riti, sicuramente avevano una religiosità importante, ve ne sono le prove, esistono i templi, avevano un culto dei morti notevole.

All’interno di un esperimento importante, come quello che si sta tentando, cioè la ricostruzione ipotetica di una società italica di tipo Vestino, in tutti i suoi aspetti, civili, tecnologici e militari, partiamo dall’aspetto religioso, che è stato il primo sistema di regole delle civiltà umane.

Iniziamo quindi dalla cerimonia del solstizio d’estate, che gli antichi popoli sicuramente praticavano ,  con sistemi diversi a seconda delle varie popolazioni, sicuramente cercando di ingraziarsi gli Dei per avere buoni raccolti nei mesi successivi in cui il sole pian piano diventava sempre più freddo, noi tentiamo con un rito elaborato raccogliendo notizie sulle moderne usanze contadine, sulle usanze celtiche con le quali ci sono molti punti di eguaglianza, come con quelle lasciate dai romani, ed infine trovando notevoli tracce nella pratica religiosa attuale, mantenendo un livello cerimoniale semplice come poteva essere quello arcaico e in contatto fondamentale ed intimo con la natura, madre.

La ricostruzione che offriamo è da intendersi come un esperimento con il quale  non intendiamo affermare la nostra verità, ma siamo anzi aperti al confronto ed ai consigli, di chi volesse partecipare in maniera costruttiva.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Immagini dei VESTINI2015 di Paola Di Zio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...